Consigli per giovani commesse

Dopo una mattinata passata a fare shopping presso il Valmontone Outlet… mi sono permesso di scrivere questo piccolo e sintetico Manuale per Giovani Commesse, ben conscio dell’esistenza di analogo “trattato” scritto da chi lavora nei negozi e dedicato ai clienti!

Domande da evitare

“E’ qui per fare un regalo?”
Allora… cara signorina, tu lavori in un negozio che vende articoli tipicamente femminili… quindi se non sono qui per fare un regalo… o sono un maniaco feticista o sono qui per comprare qualcosa per me, ma se fosse vera una di queste ipotesi… non verrei certo a dirlo a te! Quindi, stai serena, risparmia fiato, io sono qui per fare un regalo.

Non toccare quel tasto

“Se le occorre… ci sono delle taglie più grandi”
Bene. Fuori del negozio c’è scritto “Taglie fino alla 64”. Io sto guardando dei giacconi taglia XL, XXL e XXXL… pensi che tra questi non  ci sia niente che mi possa andare bene?  Hai appena perso un cliente e, per la cronaca, la XXL mi andava bene!

La crisi si fa sentire

“Mi dispiace, ma mi da AUTORIZZAZIONE NEGATA”
Come forse saprai, le carte di credito generalmente hanno un plafond, ossia un limite oltre il quale, nel mese, non è possibile fare acquisti. Probabilmente la mia carta di credito, in questo periodo natalizio, è stata particolarmente sollecitata e quindi ho superato il mio plafond mensile. Ma non sono un criminale, quindi potresti anche evitare di far risuonare in tutto negozio il tuo mi dispiace. Tranquilla, ti ho pagato lo stesso. Visto che non è stato necessario mettermi alla gogna?

Sorridi sei su Candid Camera

Lo so… lo so… anche a me, quando ero piccolo, dicevano che se facevo gli occhi da cinese o se facevo le smorfie con la faccia… poi il mio viso sarebbe rimasto “deturpato”…
Oggi però le cose sono cambiate, la scienza ha fatto passi da gigante. Puoi stare tranquilla, anche se sorridi un pò ai clienti, potrai continuare ad ammusarti tutte le volte che vorrai.

 

Lavori in un negozio? Non te la prendere! Sto scherzando! Anche io ho lavorato per anni in un negozio e so quanto è difficile essere sempre gentili e disponibili!

Un commento

  • sandro pavoni

    il motivo è che oggi tutte le “principesse” sono destinate a fare lavori umili e quindi sono tristi, annoiate, scontrose, e non ti degnano più di tanto: sai, loro sono “principesse” e sono lì solo “temporaneamente”, in attesa di riprendere possesso del loro “vero” ruolo!!!!
    Tutte piene di se: sai, fanno le “commesse”, mica il CDA di BANCA INTESA!!!!
    Ma io credo, innanzi tutto, che non è sempre colpa del porco, ma di chi gli dà da mangiare!!!
    Mi spiego meglio: se questi genitori frustrati ed incapaci, invece di far credere ai figli che sono “Principi e principesse”, gli facessero capire quello che sono veramente, con tanta umiltà e tanta saggezza, probabilmente andremmo tutti molto meglio.
    Se fai la commessa, a meno che no ti chiami Cenerentola, commessa resti!!!!
    un saluto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *